Tutti dicono che l’amore fa male,
ma non è vero.
La solitudine fa male.
Il rifiuto fa male.
Perdere qualcuno fa male.
Tutti confondono queste cose
con l’amore, ma in realtà,
l’amore è l’unica cosa
in questo mondo che copre
tutto il dolore e ci fa sentire
ancora meravigliosi

 

 

Oscar Fingal O’Flahertie Willis Wilde, noto come Oscar Wilde, nacque a Dublino, capitale della Repubblica d’Irlanda, il 16 ottobre 1854.
Morì a Parigi, Francia, il 30 novembre del 1900.
Oscar Wilde è stato uno scrittore, aforista, poeta, drammaturgo, giornalista e saggista britannico, esponente del decadentismo e dell’estetismo britannici.
Autore dalla scrittura apparentemente semplice e spontanea, ma sostanzialmente molto raffinata e incline alla ricerca del bon mot, con uno stile talora sferzante e impertinente egli voleva risvegliare l’attenzione dei suoi lettori e invitarli alla riflessione. Oscar Wilde è noto soprattutto per l’uso frequente di aforismi e paradossi, per i quali è tuttora spesso citato.
Le sue opere, tra le quali – in particolare – i suoi testi teatrali, sono considerate dai critici dei capolavori del teatro dell’Ottocento.