Paolo di Tarso

Non fissiamo

lo sguardo

sulle cose visibili,

ma su quelle

invisibili.

Le cose visibili

sono d’un momento,

quelle invisibili

sono eterne

Paolo di Tarso, nato intorno all’anno 4 d.C. e morto nell’anno 67 a Tarso, città dell’attuale Turchia, con il nome di Saulo e noto come San Paolo per il culto tributatogli, è stato uno degli apostoli.

E’ stato l’”apostolo dei Gentili”, ovvero il principale missionario del Vangelo di Gesù tra i pagani greci e romani.

Secondo i testi biblici, Paolo era un ebreo ellenizzato, che godeva della cittadinanza romana.

Non conobbe direttamente Gesù, sebbene a lui coevo, e, come tanti connazionali, avversava la neo-istituita Chiesa cristiana, arrivando a perseguitarla direttamente.

Sempre secondo la narrazione biblica, Paolo si convertì al cristianesimo mentre,recandosi da Gerusalemme a Damasco per organizzare la repressione dei cristiani della città, fu improvvisamente avvolto da una luce fortissima e udì la voce di Dio che gli diceva :” Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?”.

Reso cieco da quella luce divina, vagò per tre giorni a Damasco, dove fu poi guarito dal capo della piccola comunità cristiana di quella città, Anania.

L’episodio, noto come la “conversione di Paolo”, diede inizio all’opera di evangelizzazione del Santo.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. hgamma ha detto:

    Tutto visibile
    tutto invisibile
    ha un inizio
    e una fine

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...