Madeleine L’Engle

Quando eravamo bambini

pensavamo che una volta

cresciuti non saremmo stati

più vulnerabili.

Ma crescere vuol dire

accettare la vulnerabilità.

Essere vivi significa

essere vulnerabili

Madeleine L’Engle nata a New York, Stati Uniti il 29 novembre del 1918 e morta il 6 settembre del 2007 a Litchfield comune situato nello Stato del Connecticut – Stati Uniti, è stata una scrittrice statunitense.

E’ conosciuta per i suoi libri per bambini, in particolare per “Nelle pieghe del tempo” vincitore di una Medaglia Newbery,

Le sue opere riflettono la sua fede cristiana e il suo forte interesse per la scienza moderna.

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. vittynablog ha detto:

    Parole verisime, si pensava che i “grandi” potessero far tutto e una volta diventati grandi anche noi, saremmo diventati infallibili. Bei sogni di bambino che la vita purtroppo fa capire quanto in realtà gli adulti siano vulnerabilissimi !!! 🙂 Bellissimo pensiero, grazie Monica ❤

    Piace a 2 people

    1. astrorientamenti ha detto:

      Grazie a te❤️

      "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Se potessimo tornare indietro ognuno di noi sceglierebbe di restare bambino.

    Piace a 1 persona

  3. S. ha detto:

    Ciao Monica bell’articolo ❤

    Piace a 1 persona

  4. fulvialuna1 ha detto:

    Assolutamente vero.

    Piace a 1 persona

  5. hgamma ha detto:

    Da bambino
    ho pensato tra me e me
    che vengo dalla mia irrequietezza
    come un adulto
    dei miei errori
    dalla mia paura e panico
    dal mio dolore
    che sarò liberato da esso
    ho ottenuto vecchio
    non è cambiato niente

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...